Notizie

Le dieci rimonte più belle di sempre nel WorldSBK: Seconda parte

Wednesday, 8 April 2020 09:26 GMT

Fortuna nella scelta delle gomme, cattive condizioni meteo e grandi ritorni: ecco i cinque recuperi più sensazionali! 

Dopo la prima parte in cui abbiamo rivisto alcune delle rimonte più spettacolari nel WorldSBK, ecco ora la seconda in cui troviamo alcune perle che hanno fatto la storia di questo Campionato. Dall’azzardo nella scelta delle gomme a bellissime sfide che si decidono all’ultimo giro, ci attendono alcuni primi successi magici ma anche delle spettacolari prestazioni sul bagnato. Andiamo a rivivere i cinque momenti più intensi.
 
5.) Il lupo perde il pelo ma non il vizio: Misano, Gara 2, 2004
 
Pierfrancesco Chili nel 2004 a Misano in Gara 2 scivola fino all’11° posto. Al posteriore monta una gomma intermedia nonostante ci sia il rischio di pioggia. Frankie rimonta e a 10 giri dalla fine deve recuperare 10 secondi al leader della gara Regis Laconi. Un sorpasso all’ultimo giro regala una vittoria davvero sorprendente al pilota italiano. Quello sarà anche il suo ultimo successo.  
 
4.) La storia di Hodgson: Donington Park, Gara 2, 2000
 
Neil Hodgson nel 2000 a Donington Park dimostra tutto il suo valore nella gara che lo vede in pista come wildcard e in cui rilancia la sua carriera. All’ultimo giro recupera un secondo di distacco al leader Frankie Chili e sorpassa l’italiano alla Foggy Esses andando a tagliare il traguardo per primo. Una rimonta davvero da ricordare e che segna il ritorno di Hodgson nelle posizioni che contano del WorldSBK. 
 
3.) Chili vince dopo un ultimo giro pazzesco: Monza, Gara 2, 1996
 
Frankie Chili è destinato a una vittoria sicura sulla pista di casa ma finisce nella ghiaia e all’ultimo giro si trova in quarta posizione. Recupera ed è terzo, poi alla Parabolica conquista il secondo posto prima di andare a vincere sul rettilineo finale. In mezzo giro risale dalla quarta alla prima piazza per la gioia del pubblico di casa.  
 
2.) Toprak sconfigge Rea: Magny-Cours, Gara 1, 2019
 
La Gara numero 800 della storia non delude. Toprak Razgatlioglu scatta dalla 16^ casella e arriva all’ultimo giro in seconda posizione con un secondo di ritardo dal leader Jonathan Rea. L'eccesso di confidenza del campione del mondo e la tenacia di Razgatlioglu portano il turco al sorpasso decisivo che avviene alla curva 13 e che vale anche la prima vittoria di sempre per questa nazione nel WorldSBK. Il talento di Toprak viene premiato con la giusta ricompensa.
 
1.) Walker cammina sull’acqua: Assen, Gara 1, 2006
 
Chris Walker ad Assen esce di pista nel corso del primo giro di Gara 1. Scivola in ultima posizione ma non si arrende. Davanti i piloti di testa cadono ma Walker ha un passo fantastico sul bagnato. “Stalker” recupera tantissime posizioni e a nove giri dalla fine è in lotta per il secondo posto mentre in testa Noriyuki Haga esce di scena. Walker supera Andrew Pitt e va a vincere nelle battute finali di quella che è la sua 131^ gara. Un successo davvero meritato ma sicuramente per nulla facile!  
 
Non dimenticarti di vivere IN DIRETTA tutta la stagione 2020 del World Superbike con il WorldSBK VideoPass!