Notizie

Il Red Bull Honda World Superbike Team si vuole rifare in Europa

Monday, 13 March 2017 09:02

Week end misto per il team al MOTUL Thai Round 

Stefan Bradl (Red Bull Honda World Superbike Team) continua a vivere un momento difficile nel suo primo anno del  MOTUL FIM Superbike World Championship, ma il tedesco guarda agli aspetti positivi della domenica. 
 
Dopo essersi assicurato la top 10 in Gara1, Bradl ha poi affrontato la seconda manche che si è svolta in condizioni difficili, oltre i 30 gradi. Nonostante abbia fatto del suo meglio per stare nel gruppo della top 5, il tedesco è scivolato alla curva 12 e non è potuto ripartire.
 
Bradl ha spiegato: “Purtroppo oggi ho fatto un errore e sono caduto: quando Davies mi ha passato ho fatto del mio meglio per stare con lui, ma ho frenato un po’ troppo tardi e non ho lasciato i freni al momento giusto, e sono caduto in mezzo alla curva 12. È un peccato perché potevo concludere facilmente nella top 10 ancora una volta, se non in una posizione migliore”.
 
Il suo compagno di squadra Nicky Hayden (Red Bull Honda World Superbike Team) invece ha ottenuto la top 10 e ha continuato a fare progressi sulla sua nuova Fireblade SP2 sul Chang International Circuit 
 
Dopo una concreta prestazione nella gara del sabato, le condizioni erano ancora più calde il terzo giorno, ma questo non ha fermato l’ex campione del mondo di MotoGP™ che ha migliorato i suoi tempi in gara. L’americano ha siglato il suo miglior tempo del week end e il futuro si prospetta luminoso per Hayden e per il suo team Honda. Felice dei progressi, Hayden sta guardando ai miglioramenti che potrà fare in Europa.
 
Hayden ha spiegato le sue sensazioni dopo una gara interessante: "La moto ha funzionato molto meglio dopo la bandiera rossa e sono stato in grado di fare il mio giro veloce del week end. Abbiamo svolto un paio di giri buoni ed ero piuttosto costante; sono stato nella lotta per la top 5 ma poi la moto di Leon ha iniziato a fumare e tutto quello che ho fatto è stato cercare di rimanere fuori dai guai. Questo mi è costato un po' di tempo e quando si è ritirato avevo già perso il contatto con Chaz per il sesto posto, quindi dopo è stata una corsa solitaria in settima posizione. Le cose sono leggermente migliorate da ieri, ma c’è ancora molto lavoro da fare per avvicinarci ai leader. Spero di arrivare davanti il prima possibile”.
 
Il team ora si preparerà in vista del terzo round, che avrà luogo al MotorLand Aragon, un altro tracciato dove proveranno la nuova CBR1000RR Fireblade SP2 e dove sperano di fare un buon week end.