Notizie

Come funziona la Yamaha nel WorldSBK?

Tuesday, 18 April 2017 09:28

Guardiamo l’elettronica di una YZF-R1 con Paul Denning 

Il Pata Yamaha Official WorldSBK Team ha avuto un inizio costante in questa nuova stagione 2017 del MOTUL FIM Superbike World Championship, con Alex Lowes e Michael van der Mark che attualmente occupano la quinta e sesta posizione in campionato, rispettivamente, dopo i primi tre round.
 
Il team manager Paul Denning, che ha una grande esperienza nel racing, parla dell’elettronica che si trova sulla YZF-R1, sia sulla moto da strada, sia su quella usata dall’inglese e dall’olandese in pista. 
 
Qual è la differenza principale nell’elettroncia su una moto del WorldSBK rispetto a una da strada?
“La moto del WorldSBK ha una capienza maggiore, il computer è più potente di una moto stradale, perché non ha bisogno di soddisfare le esigenze di prezzo del mercato, così come le funzionalità. L’elettronica nel WorldSBK non è proibitiva, nonostante il prezzo massimo. I team non possono spendere più di 8000 euro per la centralina elettronica e per il sistema di controllo inerziale che misura l’inclinazione della moto ed altri aspetti elettronici, compreso il display che è normale trovare sulle moto stradali, e ciò dimostra una strategia qualitativamente importante. La Yamaha MotoGP è probabilmente la moto più avanzata da almeno 5 anni".
 
“A volte si parla negativamente delle strategie di componenti elettronici disponibili”, continua Denning. “Ma ora stiamo parlando di tutte quelle strategie a disposizione per le moto stradali. Anche se la gamma di setting potrebbe essere un po’ più semplice, il modo in cui funzionano queste strategie possono rendere le moto più divertenti ma anche più sicure”.
 
Ma come lavora l’elettronica sulle moto di Lowes e van der Mark?
Denning ne ha parlato al WorldSBK.com attraverso quello che vedono i piloti durante un fine settimana di gara.  
“È abbastanza semplice, il pilota non tocca la parte destra durante la gara, che controlla l'accensione e il limitatore di velocità. Sul lato sinistro, è possibile modificare la mappa, a seconda delle condizioni di asciutto e bagnato - sul bagnato avrà meno potenza ma più controllo di trazione e libero controllo del freno motore. Se lo teniamo premuto per due secondi, quando entriamo ai box per cambiare le gomme, passerà a bagnato. In caso contrario, se verrà schiacciato brevemente allora cambierà il display sul setting di rendimento per il controllo di trazione, il controllo delle prestazioni o la rottura del motore”.
 
Infine, Denning ha spiegato come lavora l'elettronica sulla strada: “Sulla R1, tutti i controlli che sono disponibili su questa moto, compreso il controllo dell'impennata sono a disposizione per una moto da strada. Così, per il costo di 18.000 euro, hai una moto che ha all'interno la stessa tecnologia”.